facebook-blacktwitter-blackyoutube-blackgoogle-plus-blacklivestream-transparentinstagram-transparentwhatsapp-black
ascoltalive
livetv-on

"Lunapark" il secondo estratto dall'album "Penisola"

Lunapark"Lunapark", secondo brano estratto dall'album "Penisola" di Bartolini, ne anticipa l'uscita che avverrà il 3 aprile con distribuzione Carosello Records. 

"Lunapark è una canzone che parla delle cose che finiscono e di quel luogo sospeso in cui ci ritroviamo soli, persi.
Tutti noi siamo pronti a esplodere come dei fuochi d’artificio e a brillare come delle luci di una qualche giostra, inconsapevoli nella nostra felicità.
Il Lunapark è il luogo in cui convive questa duplicità di sentimenti.".

Giuseppe Bartolini, nato nel 1995 con origini calabresi, ha passato gli ultimi anni tra Roma e Manchester, due realtà che lo hanno profondamente influenzato. 

Dopo l'EP d'esordio BRT Vol.1 (2019), questo disco apre un nuovo capitolo del cantautore. Rappresenta un viaggio introspettivo, che lo ha portato nei luoghi della maturità, degli affetti e del bisogno della vicinanza dell'altro.

“Se due anni fa il mio sogno era restare a vivere in Inghilterra, o comunque ritornarci, adesso il mio pensiero principale è non restare solo e passare più tempo con la mia famiglia e i miei amici. Cercare, insomma di non chiudermi nel mio guscio, di non essere un’isola.”

"Penisola" dimostra una maggiore consapevolezza dell'artista, che prende coscienza dei propri limiti e del tempo che passa, che tende ad allontanarci gli uni dagli altri. L'album rappresenta una canzone d'amore, o di amicizia. 

Il suo primo EP, pubblicato nel 2019, dal titolo BRT Vol.1, è una raccolta di cinque canzoni che riassumono gli ultimi cinque anni di vita dalla Calabria, per cercarsi a Roma e trovarsi a Manchester. 

Tra il britpop, la new wave d'oltreoceano (Wild Nothing, Beach Fossils) e il pop italiano pubblica il nuovo singolo "Te in particolare".
Nel corso dell'estate 2019 ha aperto due date dell'Evergreen Tour 2019 di Calcutta e ha partecipato al MI AMI 2019.
I brani "Non dirmi mai" e "Lunapark" hanno anticipato la pubblicazione del debubt album "Penisola".

 

"OCCHI" il nuovo singolo di La Zero

OcchiLa Zero, eclettica cantautrice napoletana, torna con il brano "OCCHI". 
Dopo il brano "Abracadabra" con Livio Cori, l'artista vuole tornare alle proprie origini con "OCCHI", una ballad tra italaino e napoletano, dalle sonorità pop-urban. 
L'uscita del brano è stata annunciata sui suoi social, Facebook e Instagram, con la pubblicazione di alcuni video, suddivisi in capitoli, che racconta la storia dell'incontro e la nascita dell'amore tra due ragazzi.
I protagonisti del video sono la stessa cantautrice e l'attore Andrea Savillo.
La regia è quella di Cosimo Maynard. 

Il brano rappresenta una dedica a un amore finito. alla bellezza di ciò che è stato, senza alcun rimpianto. 

«Ho scritto “Occhi” – racconta LA ZERO – un’ora dopo aver abbracciato per l’ultima volta il mio ex ragazzo. È dedicata a quello che resta della nostra storia. Ci sono dei dettagli di un amore che rimarranno per sempre e alla fine va bene così, perché dovrebbero del tutto scomparire? Non sarebbe giusto, non sarebbe sano, non sarebbe umano. Mi fa stare bene l’idea di dedicargli questa canzone, perché lascerà una traccia infinita di noi, di quello che siamo stati, nonostante tutto ce la siamo meritati. Il mio nuovo singolo si chiama “Occhi” ed è dedicato ai suoi blu e bellissimi occhi che resteranno tra le sfumature di quello che sono adesso e quello che diventerò. Grazie per la vita».

Manuela Zero, in arte La Zero, oltre a essere cantautrice è anche attrice e artista poliedrica. Studia danza sin dall'età di sei anni e, successivamente, musica al Teatro San Carlo di Napoli.
Nel 2018 partecipa a Sanremo Giovani con il brano "Nina è brava", storia di una bambina che vive in carcere con la madre. 
Successivamente pubblica il singolo "San Lorenzo", con il video girato da Valerio Desirò.
Collabora come autrice alla stesura di "Latte di Mandorla", primo singolo di Mameli dopo Amici. 
Il 16 ottobre 2019 si esibisce allo Stadio San Paolo di Napoli con la ballata "San Pà", dedicata alla squadra del cuore e alla sua città, Napoli. 
L'artista ha anche recitato in molti film come "Loro 1" e "Loro 2" di Sorrentino e "Romanzo Criminale" di Sollima. 
La Zero fa parte dei talenti Hokuto Empire.
Il 2020 porta all'uscita di due brani; "Abracadabra" con il rapper Livio Cori e "OCCHI". 

iPantellas e Marley con "Resto Qui": un brano per gli italiani

Resto QuiA supporto di tutti gli italiani, che in questo periodo si ritrovano in una nuova realtà chiusi nelle loro case, iPantellas insieme a Marley hanno deciso di dedicargli il brano "Resto Qui". 
Questo brano rappresenta un inno di speranza perché si possa tornare presto alla normalità. Alla base della speranza ci deve essere il rispetto delle norme, che ci sono state imposte in questo momento difficile. 

“Vogliamo stare a casa per tornare a rinascere.”

Lo scopo principale è di sensibilizzare le persone sulle giuste decisioni da prendere, per tutelare se stessi e gli altri. Si invita anche l'ascoltatore  a sognare di viaggiare nel mondo, con la voglia e la grinta di tornare. 
Un velo di malinconia si percepisce dal contrastro tra il testo e la produzione musicale tipiamente estiva. 

Morrywood con il suo primo singolo "La stanza degli orrrori"

La stanza degli orroriIl primo singolo di Morrywood per Artist First, "LA STANZA DEGLI ORRORI", sarà disponibile dal 20 marzo. 
Le parole massicce scivolano su un tappeto sonoro costruito da beat trascinanti e serrati, che si intrecciano a suoi elettronici pungenti. 

"LA STANZA DEGLI ORRORI" si costruisce in onguno di noi quando facciamo delle scelte e raccoglie le nostre paure e dubbi. 

“La nostra stessa vita é come una casa che viene costruita scelta dopo scelta. Si vive nel timore di sbagliare, nella paura di perdere l’obiettivo. Bisogna riflettere su se stessi e trovare il coraggio di affrontare ogni giornata al meglio. Bisogna salvaguardare la nostra vita, saper crescere e saper accettare da ogni avvenimento le conseguenze a cui ti porta. La stanza degli orrori è la stanza in cui i riflettori sono puntati esclusivamente su di noi: il nostro show.”

Morrywood è controdenza, disegna e si vuole disegnare e l'autotune non gli appartiene. La cover del suo singolo è stata disegnata da lui stesso perché appassionato di illustrazione. 

Eugenio Morabito, in arte Morrywood, è nato nel 1992 e sin da giovane si è appasionato al mondo del rap. Ha aperto molti concerti di grandi nomi come Frankie Hi NRG MC. Dopo anni trascorsi a lavorare come magazziniere e su se stesso, è tornato con pezzi molto più intimi. 

Arianna Luzi e il suo nuovo singolo "Do you mind coming with me?"

Do you mind coming with me?Arianna Luzi, artista torinese, torna con un nuovo singolo "DO YOU MIND COMING WITH ME?"
Il brano, dalle sonarità rock, ha un ritmo aggressivo e con un arrangiamento intrigante, che riesce a far scaturire emozioni e passioni in chi ascolta grazie anche alla potenza della sua voce. 
Tra le parole e il modo in cui vengono espresse c'è un evidente gioco di chiaroscuri e di contrasti.

Quesro brano anticipa l'uscita del nuovo album prevista per il 2020. 

Nel 2019, Arianna Luzi debutta con l'EP "Andrew", prodotto da Gika Production e distribuito dall'etichetta Bentley Records.
 “ANDREW” parla di una ragazza transgender che in età adolescenziale decide di intraprendere il cammino del cambio di genere da uomo a donna.

Il brano "The Snail" racconta le sensazioni che Andrew prova nel proprio corpo che non riconosce come suo. Questo guscio, che non le appartiene, la porta nei luoghi più profondi della sua psiche.

Ora, nel 2020, "Do You mind coming with me?", rappresenta una nuova tappa nel suo percorso musicale. 

Tutto ha inizio a 17 anni debuttando in "Pinocchio- Il Grande Musical" con la Compagnia della Rancia, che la porta in tutta Italia, a Seul e a New York City. 
Nel 2014 inizia la sua collaborazione con la Fabulous Dreams Production e il regista Fabio Zito, che la portano in un tour fino a Los Angeles e New York, con numerose produzioni teatrali tra cui la commedia "The Snail". Questa commedia ha ricevuto il premio "Encore! Producer's Awards 2015" all'Hollywood Fringe Festival. 
Il suo talento è accompagnato dallo studio del pianoforte, danza classica e contemporanea, canto e recitazione. 

"Molto" il singolo che chiude la trilogia di Lilith Primavera

MoltoLilith Primavera presenta il suo nuovo singolo "Molto".
Questo brano segue a ruota "Goodbye My Lover", presentato in occasione della partecipazione come co-conduttrice alla seconda edizione di Attico Monina a Sanremo e "Taboo", un brano fra rap e trip pop.
Anche il singolo "Molto" è stato realizzato dal producer di musica dance Giovanni La Tosa. 

Il video, che lo accompagna, rappresenta la chiusura della trilogia dalle atmosfere a la David Lynch ed è stato scritto da Lilith insieme alla regista Cristina Ducci. 

Sia il singolo che il video sono disponibili dall'8 marzo.
I tre singoli, che compongono la trilogia, anticipano l'uscita del nuovo EP nell'autunno 2020. 
Questa nuova uscita comprenderà anche un singolo prodotto da Matteo Gabbianelli (kuTso) con cui ha già realizzato "Nuda" e "Vieni A Prendermi".

Lilith Primavera ha diversi progetti in mente e la musica è solo una delle aree in cui manifesta la propria creatività.
Da tempo sta preparando un podcast con la collaborazione della registra Chloé Barreau e sta anche pianificando un ritorno sul grande schermo. 

Lilith Primavera è una performer, attivista LGBTQI, femminista e organizzatrice di eventi. 
Nata nella periferia romana, a 18 anni si trasferisce per un periodo a Londra, dove entra in contatto con l'ambiente underground e queer, tipico degli anni Novanta. 
Questo contesto permette a Lilith di maturare un'analisi critica nei confronti della sua natura politica e di un certo tipo di attivisimo.

Negli anni segue corsi di clownistica, seguendo un'esperienza presso la scuola Moveo di Barcellona, istituita dai discepoli di Etienne Decroux, fino a portarla a uno stage sulla tecnica degli psicosuoni a cura di Pablo Taddei, allievo di Carmelo Bene. Tutto questo confluisce in una serie di performance basate su una natura militante e attivista. 
Con un occhio sempre vigile, nel 2009 partecipa alla prima Lady Fest di Roma. 
Entra poi in contatto con l'ambiente queer romano e nel 2011 è ormai già parte attiva della seconda edizione della Lady Fest. Con questo evento inizia per lei un percorso di ricerca e di approfondimento, uno studio rispetto le pratiche di dominazione, i feticismi, i giochi di ruolo e la violenza fra le persone, l'interrogarsi sulle sfumature che passano da quella consensuale e a quella non consensuale. 
Allo stesso tempo Lilith ha contatti con Le ragazze del Porno, con le quali ha performato ma dalle quali si è subito staccata per portare avanti i propri progetti.

"Mescla": il nuovo album dei Meganoidi

Mescla6 marzo 2020, data di uscita del nuovo disco dei Meganoidi "Mescla".
Dieci tracce che abbracciano nuove sfumature funk, senza abbandonare il loro sound tradizionale. 
Scritto dal trombettista e chitarrista Luca Guercio assieme al cantante Davide di Muzio, è stato registrato e mixato e masterizzato presso il Tabasco Recording Studio di Sori (GE) con Nicola Sannino.

A due anni dalla pubblicazione dell'album "Delirio Experience", che celebra i 20 anni di carriera della band, arriva "Mescla", settimo lavoro in collaborazione con Nicola Sannino. 
Questo album è stato creato tra la primavera e l'estate del 2019 e ha come tema centrale la necessità di tenere sempre viva la voglia di ricerca interiore. Rappresenta un invito a riflettere su di sé, migliorarsi e conoscersi e, allo stesso tempo, conoscere gli altri, tenendo sempre acceso il desiderio di contaminazione e condivisione culturale. 

Anticipato dal singolo e video "Condizione", Mescla riflette, infine, su quanto siano importanti nella contemporaneità, la lucidità, la capacità di convivere con i propri successi e insuccessi e la consapevolezza di sé.

I Meganoidi sono nati a Genova, tra la fine del 1997 e l'inizio del 1998, e hanno portato avanti, anche in questo lavoro, i tratti distintivi di ogni loro progetto: autoproduzione e autodeterminazione artistica. 

Dall'album "Che Io Mi Aiuti" "Girano" di Bresh feat. Izi

"Girano"
"Girano", il nuovo brano di Bresh in collaborazione con Izi.
Il brano è estratto dal nuovo album del rapper genovese Bresh "Che Io Mi Aiuti", pubblicato venerdì 14 febbraio per Sony Music. 

Con questo nuovo brano Bresh vuole fare alcune riflessioni personali: l'impressione di essere costantemente in una centrifuga e allo stesso tempo sentirsi immobili, espressa metaforicamente dal moto perpetuo dei mulini a vento.

Il suo collaboratore, Izi, rappresenta una delle voci più visionarie e introspettive della nuova scena. 

Andrea Brasi, in arte Bresh, nasce nel 1996 e cresce nel Levante Ligure a Bogliasco, dove matura, fin da ragazzo, il desiderio di evasione e di ricerca di un tessuto sociale diverso da quello in cui viveva. 

È stato membro della Zona4Gang, una crew milanese, formata da vari amici tra cui Rkomi, Tedua e di Drilliguria, che riuniusce vari rapper liguri. É legato al collettivo Wild Bandana, con il quale collabora spesso.

Tra il 2012 e il 2013 ha pubblicato i suoi primi mixtape; il primo, insieme a Gpillola, dal titolo " Cambiamenti" e "Cosa vogliamo fare", con il supporto dello Studio Ostile.
Nel 2015 ha partecipato al mixtape di Tedua “Aspettando Orange County” con il singolo “Perdono Valore” e l’anno successivo ad “Orange County Mixtape” in “Step By Step”.
Nel 2017 ha partecipato al progetto "Amici Miei" e nello stesso anno ha pubblicato il video "Il Bar dei miei", il singolo prodotto da Nebbia che segna il suo ritorno sulla scena a 5 mesi da "Gazza ladra".

Tra i singoli che più lo rappresentano troviamo "Gaston", "Ande", "Astronauti" e "Snake".
Nel 2019 pubblica il singolo "No Problem" con Sony Music. 

A ottobre esce "OBLÓ", singolo nato dalla collaborazione con Rkomi, seguito nel 2020 dalla pubblicazione di "TEAM", con il rapper e amico Vaz Tè, l'ultimo brano ad anticipare "Che Io Mi Aiuti", il primo album ufficiale di Bresh.

Proprio questo album nasce dal vissuto dell'artista genovese, a partire dai ricordi, dai conflitti interiori e dalle amicizie raccontate nei brani che si proiettano in un messaggio universale. 
Dieci tracce che invitano a un confronto onesto con se stessi senza cercare di trovare un alibi ai propri insuccessi e ai propri guai. 
Bresh invita a non cadere nella trappola di cercare un "nemico" nel quale identificare i propri mali. 
Per fare ciò ha coinvolto molti artisti interessanti come Rkomi, Tedua, Izi, Vaz Tè.
Questi artisti genovesi sono accomunati dalle spiccate abilità nella scrittura e da flow estremamente personali. 

Le produzioni sono state realizzate da Chris Nolan, Shune, Garelli e Andre Blanco.

"Ora": primo singolo ufficiale di PATRIK

ORAÈ uscito "ORA", il primo singolo ufficiale del cantautore PATRIK.

"ORA" è un'energica ballad pop-rock che si trova in equilibrio tra la delicatezza del pianoforte e degli archi e la "ruvidità" di chitarre elettriche e batteria. 

Il singolo autobiografico riporta alla mente i ricordi tra due innamorati separati dalla distanza, tra nostalgia, dolore e rabbia. 

«’Ora’ è una semplice dichiarazione d'amore – racconta PATRIK – a una ragazza costretta per studi in Inghilterra. Ha ricevuto questa canzone come regalo inaspettato durante una festa a sorpresa per il suo diciottesimo compleanno. Il testo ripercorre ricordi e immagini di vita insieme che, data la lontananza, fanno male al cuore».

Patrick Rubino, in arte PATRIK, nasce a Salerno nel 1998 da madre polacca e padre italiano. 
Presto inizia a studiare chitarra classica e a 13 anni fonda la sua prima band con la quale parteciperà, con brani inediti scritti da lui, a molti concorsi. 
Inizia anche a dedicarsi alla produzione, sentendo l'esigenza di comporre testi e basi per le proprie canzoni. 
Partecipa al programma "Amici", senza però riuscire a entrare a far parte della scuola. Questa sua visibilità televisiva gli permette comunque di riuscire a ottenere una solida fanpage dalla quale poter partire. 
Alla Camp Academy di Napoli intraprende un percorso di studio musicale.
Qui si esercita in canto, produzione, mix & mastering e pianoforte. 
Nel suo home studio scrive e produce centinaia di brani fino a pubblicare, il 6 marzo 2020, il suo primo singolo ufficiale dal titolo "Ora", sotto l’etichetta Hokuto Empire di Francesco Facchinetti.

Anteprima del nuovo album di Fickle Friends

fickle friends eat me up

Dopo un anno dal dedutto, con l'album che è entrato immediatamente nella top 10 UK, e dopo la pubblicazione di "Amateurs" e "Pretty Great", le prime due anticipazioni del nuovo disco del 2020, Fickle Friends, una tra le band DIY più amate del regno Unito presentano "Eats Me Up", uscita il 4 marzo. 

Questo brano è il terzo estratto dall'album in arrivo questo 2020 per Cooking Vinyl. La prima anticipazione, "Amateurs", ha dimostrato il forte controllo che hanno del suono mentre la seconda, "Pretty Great", accompagnata dal video è in perfetta sintonia delle tonalità indie-pop. 

Il nuovo singolo"Eats Me Up" è un inno euforico e ricco di groove. 

Natti racconta così il brano:
"When we took some time away to write this new album it was a welcome break, but I found myself using social media as my main way of keeping up with things. It's a very tricky headspace to be in and there were moments where I felt very alienated, depressed, frustrated, jealous...and scared to say anything at risk of being shamed. Everyone who has access to these online platforms has a voice. They can build you up and tear you down in one tweet. ‘Eats Me Up’ is about my relationship with that and how we all need to learn to find space away from it all. Matt Haig's book 'Notes of a Nervous Planet' really resonated with me and the lyrics took form whilst I was reading that.”  

La band Frickle Friends, debutta con l'album "You Are Someone Else", che è entrato subito nella TOP10. Dopo molti concerti si è esibita al prestigioso Shepherd Bush Empire di Londra, consacrazione di una carriera brillante. Nel corso del tempo hanno perfezionato il loro groove unico, attraverso l'uso di sintetizzatori pop e chitarre.
Un anno dopo sono tornati con nuovo materiale e con un controllo totale del metodo di scrittura, di registrazione e di produzione. 
Il 2019 si è concluso con diversi concerti sold-out, che li ha portati a testare parte della loro nuova musica e ora sono pronti a condividerla con tutti i loro fans. 

"Per non perderti ancora" nuovo singolo di Giuseppe Salsetta

Per non perderti ancora

Dal 6 marzo 2020 sarà disponibile in radio, sulle piattaforme streaming e in digital download il nuovo singolo di Giuseppe Salsetta, "Per non perderti ancora". 
Il brano, che si dimostra intenso e toccante, è stato scritto da Tiziano Orecchio e prodotto da Mimmo Mignogna. 

IL PESCE PALLA debutta con il singolo "POS?"

POS?

IL PESCE PALLA, vincitori della 31° edizione di Rock Targato Italia debuttano nel mondo discografico.
Il premio ha permesso alla band di registrate il singolo "POS?" negli studi della Sony Music Italia RCA Recording Studios, con la prestigiosa produzione di Alberto Riva. Il singolo, pubblicato con l'etichetta TERZO MILLENNIO RECORDS, è disponibile in tutti gli store digitali e in rotazione radiofonica dal 14 febbraio. 
Il tema centrale del brano è la condizione lavorativa giovanile, tema complicato che viene affrontanto in un brano ironico e divertente. 

"...Si tratta di due vite contrapposte. Da un lato Giampy, giovane giustizialista rampante, paladino della fattura elettronica, ma ironicamente sfruttato dal padre, che pretende di pagarlo solo tramite POS. dall'altra parte Danilo che ha ereditato il banco frutta di famiglia e lavora tutto il giorno. Fare un po' di "nero" è l'unico modo per sopravvivere. una cosa però li accomuna: entrambi, da piccoli, amavano l'incanto del circo. Ora se lo possono sognare..."

La band, proveniente dal pavese, è composta dalla voce di Andrea Ettore di Giovanni, la chitarra e le tastiere di Marina Borlini, il basso di Mattia Camussi e la batteria di Francesco Boggio Sola. 

"Supereroi" nuovo singolo degli FBJO

Supereroi

fbjo supereroi4Marzo 2020: data di lancio in tutti gli store digitali del nuovo singolo degli FBJO "SUPEREROI". 
Questo pezzo è stato scritto per far riflettere l'ascoltatore, con un saliscendi di atmosfere.
Lo stile è quello caratterizzante della band, trascinante, leggero e surreale come in un Inno che Lex Luthor e Superman potrebbero cantare insieme saltando a braccetto!

Gli FBJO sono una band rock attiva dal 2007 e originaria di Pavia. 
Il loro debutto fu nel 2010 con il primo EP "F.B.J.O", promosso da una serie di date, durate due anni, tra cui finalisti a Rock Targato Italia.
Il 10 novembre 2012 pubblicano il loro primo disco autoprodotto "Tenetevi Liberi"; una fusione di due mondi diversi: melodie cantautoriali e sonorità aggressive, testi allegri e temi più maturi che portano a una performance energica e coinvolgente, unita a una spiccata teatralità e da un sound sincero, istintivo e diretto. 
Hanno calcato molti palchi, più di 200 concerti sulle spalle e si sono guadagnati importanti opening act, come il 26-06-2019 in supporto agli Shandon. 

Nel 2020 arrivano grosse novità, due nuovi singoli con un rinnovamento del sound e di line up, ora composta da Flavio Botto, Fabio Tinon, Luca Gatti, Federico Zanforlin e Brusa Riccardo. 

THE ACADEMIC - AFTERTASTE

l primo album di debutto della the academic è stato “Tales from the backseat” (Platinum Spelling Album) realizzato nel 2018, riscuotendo un rilevante successo:
2018 Choice Music Prize – Album Of The Year Nomination
Entrato al primo posto nella classifica: Official Album Charts in Ireland
BBC Radio 1 Album of The Week (UK)
US Top 40 – Billboard Alternative Chart, No.16 UK in the UK
Più di 50 milioni di streaming album
Più di 100 milioni di streaming per il singolo “Bear Claws”
Annie Mac – BBC Radio 1 Hottest Record in the World
Non solo al primo posto della classifica delle radio irlandesi, il singolo è rientrato anche nella Top 20 in Belgio, Olanda, Portogallo, Repubblica Ceca.
Nominato Album della settimana secondo: BBC Radio 1, 3FM (Olanda), KROQ (US) Rte 2fm (Irlanda).
Tutti i loro tour hanno registrato il tutto esaurito in Irlanda, Regno Unito, Europa e USA esaurito con oltre 100.000 biglietti venduti.
Hanno avuto anche l’onore di aprire concerti delle band più importanti del momento:
Twenty One Pilots
The Rolling Stones
The Kooks
Cage The Elephant
Dicono di loro:

The Irish Times “Canzoni che si librano molto al di sopra della media con ganci che scavano forte e nel profondo. A volte, ascoltare l'album si trasforma in un gioco da pionieri, ma qui c'è un ingegnoso gioco di prestigio che mantiene la mente acuta, mentre i cori sfidano semplicemente a ignorarli.”
The Last Mixed Tape “ Un aspetto spesso trascurato della musica, il gioioso suono overdose melodico della prima offerta in studio full-length dell'Academic è una rinfrescante interpretazione del radio-rock ... The Academic offre un breve esordio shock che fa grande uso di ogni trope indie-pop disponibile , dando vita a un vibrante disco a vite senza fine che è semplicemente divertente da ascoltare, e talvolta è tutto ciò di cui hai bisogno.”
RTE “Emozioni pop maniacali ed energia frizzante abbondano: il mastodontico, spiraleggiante riff di chitarra, The Academic hanno lanciato un breve e deciso jab nel punto dolce dell'aurale Trasmissioni del Nord Prendendo il tempo per ottenere la loro uscita giusta, The Academic hanno in mano un album davvero bello che fa sentire il loro indie rock veloce davvero stratificato e pensato. Un forte debutto per la band.”
Gigslutz “il talento della band per un coro e può competere con contemporanei come Circa Waves e Two Door Cinema Club quando si tratta di un riempitore di discoteca indipendente. Un emozionante album di debutto con così tante promesse ”
The Thin Air “Tales from the Backseat prospera sulla sua stessa semplicità, insieme al loro dono precoce per la creazione di lombrichi infettivi. Tales from the Backseat ha una sorta di semplice brillantezza; uno scontro di realtà, avvolto nel fascino dell'adolescenza.”

Oggi ritornano sulla scena con un nuovo singolo, in uscita venerdì 11 ottobre, Aftertaste.

The Careless Song è il nuovo singolo di Eloisa Atti

Eloise AttiThe Careless Song è il nuovo singolo di Eloisa Atti che, in questo nuovo mix realizzato per l’occasione, sarà contenuto nella compilation di imminente pubblicazione “Trip Hop Crop” La compilation, disponibile in formato fisico e digitale già dalla fine di ottobre, proporrà una sorta di evoluzione del trip-hop anche attraverso le tracce di alcuni degli artisti che ne hanno scritto la storia come Morcheeba, Skin4, Skye & Ross ed altri.

La canzone e il video vogliono far riflettere sul rischio di chiusura a cui la nostra epoca ci espone. E’ una richiesta accorata a sollevare lo sguardo per vedere l’altro. Tale richiesta è sempre più flebile e viene coperta da altri suoni, altre priorità che la vita ci presenta in modo pressante. La protagonista del video è la stessa Eloisa Atti che rappresenta metaforicamente la nostra capacità di empatia, che si mostra progressivamente più debole, isolata e immobile. I protagonisti dei frammenti di vita che appaiono in questo bosco -metafora di un luogo oscuro dell’anima – non si accorgono della sua esistenza, mentre viene letteralmente sommersa dalle foglie. Sarà un cuore bambino, un cuore curioso e libero da preconcetti e ossessioni a ritrovarla e a liberarla con un gesto tenero come una carezza. Da quel momento qualcosa sembra cambiare, a poco a poco, mentre la canzone della noncuranza e della superficialità cerca la strada verso l’attenzione e la cura.
Il video, girato sui colli bolognesi, è stato realizzato da Simone Casadio Pirazzoli e Filippo Baietti con la partecipazione di Eloisa Atti, Francesco Giampaoli, Riccardo Lolli, Marianna Pini, Gaia Fogli, Jessica Seiko, il piccolo grande Davide e con la partecipazione straordinaria di Bob Messini.

“Simone Casadio Pirazzoli e Filippo Baietti, oltre ad aver fatto magie tra riprese e luci in un ambiente suggestivo, ma anche piuttosto buio e scomodo, sono stati molto premurosi cercando di mantenermi “in vita” tramite schiaffetti, pizzichi, frasi d’incoraggiamento e sovrapposizione di cappotti durante le riprese nel bosco gelato, dove mi trovavo sepolta sotto le foglie e immobile per più di due ore. Bravissima anche Margherita Fantoni che ha fatto un ottimo lavoro al trucco, ritoccandolo quando il mio colore tendeva ad assimilarsi al verde spento per evidente ipotermia. Infine vorrei ringraziare gli artisti che hanno interpretato i vari personaggi, partendo da quell’attore unico e irripetibile che è Bob Messini, dalla rara espressività, che tra l’altro scrive ed esegue micro-canzoni che sono perle d’ironia e dolcezza. E’ stato bello anche coinvolgere Riccardo Lolli e Francesco Giampaoli, musicisti e compositori raffinati, coi quali ho avuto la fortuna di collaborare in numerose occasioni. Gaia Fogli - già realizzatrice del video della mia canzone “Blue Eyes Blue” con i disegni di Paola Cassano, vincitore del premio “Un’altra musica” al Biella festival Music Video- da video artist si trasforma in attrice assieme alla sua amica Jessica. E’ stato così che due bellissime ragazze e la fascinosa Marianna Pini hanno aiutato questa cantante sepolta dalle foglie a controbilanciare con misteriose personalità femminili la parte maschile che nel video è così rilevante, anche perché quest’ultima trova un grande protagonista nel piccolo Davide, dal dolcissimo viso da elfo dei boschi”.

Parla Piu' Piano il remake di Leda Battisti

Leda BattistiDopo “Solo un’estate fa”, uno dei brani più trasmessi e programmati in radio la scorsa estate, Leda Battisti ritorna sulle scene musicali con un affascinante capolavoro discografico, “Parla più piano (Brucia la terra)" tratto dalla colonna sonora di uno dei film più premiati nel mondo del cinema e tra i più acclamati dal pubblico: “IL PADRINO”, pellicola del 1972 firmata dal regista Francis Ford Coppola, con le musiche di Nino Rota.

”Quando vidi la prima volta il film ‘Il Padrino’ e ascoltai l’omonima colonna sonora - racconta Leda - come d’incanto, quasi a scolpirsi sul mio cuore, le note di questa melodia, unica nel suo genere, mi pervasero.’The Godfather theme’ di Nino Rota sicuramente ha un’anima che oltrepassa il cuore senza bussare, perché travolgente”.

Un omaggio, quello di Leda Battisti, ad una delle pietre miliari della musica internazionale, Nino Rota, compositore italiano tra i più influenti e prolifici della storia del cinema. Quasi rapita dalla bellezza sconvolgente della colonna sonora del film, rivisitandola vocalmente e musicalmente, la cantautrice Leda, in questa cover, aggiunge persino un sognante frammento filmico-musicale di “Brucia la terra”, uno dei momenti più sublimi dell’ultimo atto della trilogia del film. Dominata dalla passione per la vita e per la musica, Leda Battisti ancora una volta torna a sorprenderci con la sua voce straordinaria e con un brano di grande stile.

Cs a cura di Francesco Cacciapaglia

www.ledabattisti.com

www.facebook.com/ledabattistiofficial

www.twitter.com/LedaBattisti

Instagram: leda.battisti

Nina Nesbitt presenta Someboby Special

nina nesbittDopo i recenti successi con “The Moments I’m Missing” e “The Best You Had”, brani che in pochissime settimane hanno superato i 25milioni degli 85milioni di streaming Spotify, Nina Nesbitt presenta “Somebody Special”, il terzo e nuovo brano che anticipa il disco in uscita in primavera per Cooking Vinyl/Edel. Suonato in anteprima mercoledì 10 gennaio da Beats1/Apple Music, “Somebody Special”, ora disponibile in tutte le piattaforme digitali, mostra come Nina Nesbitt sia perfettamente a suo agio nel modern-pop R&B. Tra i suoi fan, Chloë Grace Moretz e Taylor Swift, che hanno inserito il brano “The Best You Had” tra le “favourite tracks” di Spotify ed Apple.
Scritto dalla stessa Nina Nesbitt a Nashville, con la collaborazione del produttore Dan Muckala, “Somebody Special”is about when you’ve been feeling a bit low and then you meet this person who changes everything. It’s about those first few months where everything you do together feels so exciting. You could be sitting in a dive bar drinking cheap cider, driving about in a broken down car, or sitting at home in your tracksuit, but you somehow feel like you’re having the best time because the feeling of falling in love sugar coats everything.” afferma Nina.
Cresciuta in un piccolo paese nei dintorni di Edinburgo, Nina Nesbitt arriva al successo nel 2014 con “Peroxide”, il disco di debutto che si classifica immediatamente tra i Top 15 debut album. Due anni dopo arriva l’EP “Life in Colour” ed entro il 2018 Nina Nesbitt pubblicherà il nuovo disco che sta prendendo forma brano dopo brano. “Somebody Special” è infatti il terzo pezzo composto, dopo “The Moments I’m Missing” e “The Best You Had”.
Dopo alcuni live a novembre, tra cui l’incredibile concerto sold-out alla London Camden Assembly in soli cinque minuti dal suo annuncio, Nina Nesbitt torna in tour a maggio per una serie di prime date inglesi.

May
14th – Nottingham, Rescue Rooms
15th – London, Heaven
16th – Birmingham, O2 Institute 3
17th / 18th – Brighton, The Great Escape
19th – Manchester, Club Academy
20th – Aberdeen, Lemon Tree
22nd – Edinburgh, The Liquid Room
23rd – Newcastle, O2 Academy 2

Login Form