Radio Punto

#SemplicementeOvunque

Current track

Title

Artist


Marco Camozzi : Eccomi a Rumbek

Written by on January 24, 2010

RumbekEccomi a Rumbek. Sono le 20:15 e sto formattando dei computer, non capisco perchè molte ONG italiane si ostinino a lasciare i computer che donano in Italiano !!! Se sai che li mandi in Africa, chiedi che lingua utilizzano i locali!

Installi pure un windows adattato e che dice che il pc lo hai donato tu, che dono è se poi non lo si può usare! E li consegnino pure senza cd del sistema operativo e driver… E che diavolo!

Oggi avrei avuto di meglio da fare, tipo non fare nulla, dopotutto sono appena arrivato.

La giornata è iniziata a Juba alle 7 e mi sa che finirà tardi qui in Rumbek sotto una tenda militare, sono arrivato alle 17e15 in perfetto orario grazie ad un piccolo bimotore del WFP partito da Juba alle 16e10 volo regolare e tranquillo, solo un paio di scossoni, ma con un aeroplano così piccolo non si può pensare di avere un volo lineare..

Spero di riuscire a fare tutto in una settimana : di più qui non penso di resistere, la struttura della radio è molto bella, grande, fresca, è fatta con dei blocchi prefabbricati molto isolanti e ci sono dei bambini fantastici, ma per il resto è terribile. Non c’è l’acqua e le tende sono poco ospitali, strette e caldissime (domani vi racconto com’è andata la prima notte), siamo poi nel mezzo del nulla, la città non esiste, solo capanne e qualche struttura in muratura nulla di più, anche la chiesa del Vescovo Mazzolari, non è altro che una casetta circolare e pensare che sarebbe dovuta diventare la capitale del Sud Sudan poi, per fortuna, è stata scelta Juba.

Il Don responsabile della radio si chiama don Bosco, è venuto a prendermi con un pick-up che per partire ha bisogno di essere spinto, è simpatico e molto attento che mi adatti in fretta alla situazione, ma già lavarmi i denti stasera sarà complicato, non sono abituato alla vita da campeggio..

Poi l’acqua è terribile, la si estrae con la pompa dal pozzo apena fuori dal cancello della radio, è melmosa e viscida, la si deve ovviamente filtrare, ma con il filtro triplo il sempice non basterebbe! Neanche sui monti nuba sono messi così male.

Ci aiuta a sopravvivere un ragazzo di nome Isac, viene dal Kenya, e sarà il tecnico della radio, al quale dovrò insegnare l’ABC della radio.

 

Non ho altro da dirvi per oggi, quindi un abbraccio e a presto. Vado a provare la doccia, con la tazzina…

 

 


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *